Definizione

Definizione di Isterectomia

L’ Isterectomia è una delle procedure chirurgiche più comuni nelle donne: essa implica la rimozione dell’utero.

L’utero è l’organo di riproduzione: è il luogo in cui il bambino è protetto e cresce durante la gravidanza.

L’isterectomia è talvolta associata alla rimozione di una o entrambe le ovaie e tube di Falloppio (ovarosalpingectomia e isterectomia).

Nel corso di un intervento di isterectomia, stacchiamo le ovaie utero, le tube di Falloppio e la vagina superiore.

La parte inferiore dell’utero (cervice) è solitamente rimosso (isterectomia totale), ma a volte può essere lasciata in situ

(hystérectomie subtotale , partielle) .

 

Ci sono diversi tipi di isterectomia, a seconda dell’estensione della resezione chirurgica di porzioni dell’utero o organi circostanti

 Isterectomia totale

  • viene rimosso tutto l’utero e la cervice. La rimozione della cervice impedisce lo sviluppo di cancro cervicale.

Isterectomia sub-totale 

  • l’utero è rimosso ma non la cervice. Non si può procedere in modo naturale (via vaginale).
     

Isterectomie radicale

  • Questa è una isterectomia totale, più la rimozione della parte superiore della vagina, parametri e linfonodi pelvici. Questa procedura viene eseguita nei tumori dell’endometrio estesi fino al collo dell’utero e alla cervice uterina   
     

Isterectomia con annessiectomia 

  • Si reseca l’utero e i suoi annessi: le tube e le ovaie uni o bilateralmente. Questo gesto è indicato nei casi di cancro uterino. L’ ovariectomia bilaterale provoca una menopausa permanente.